Ultimo
Raccomandato
Pubblicato: Sab, Mag 20, 2017
Intrattenimento | da Abelardo Magnotti

Cannes 2017: Tilda Swinton risponde alla stampa riguardo Pedro Almodovar

Cannes 2017: Tilda Swinton risponde alla stampa riguardo Pedro Almodovar

Si tratta di un insolito monster movie che focalizza l'attenzione sull'avidità del capitalismo, e infatti nel trailer vediamo l'infida Mirando - guidata da Tilda Swinton - allungare le mani sul tenerissimo Okja, sorta di pachidermico maiale che la corporation vuole mettere sul mercato per commerciarne le carni. Entrambi i film sono confermati nel concorso, sottolineano dal Festival di Cannes, dopo che si e' diffusa la voce di un possibile ritiro. O almeno credevano. Ma non tutto è andato per il verso giusto e quando il film è iniziato, la folla ha incominciato a fischiare.

Milan: affondo finale per Kessiè
Oltre a Musacchio e Kessiè , il Milan continua a inseguire anche Ricardo Rodriguez, laterale sinistro del Wolfsburg . MILAN :KESSIE- Come accennato in mattinata, Franck Kessie è un nuovo giocatore del Milan .

Netflix ha diffuso suoi propri canali youtube ufficiali il trailer di Okja, film con Tilda Swinton e Jake Gyllenhaal e diretto da Bon Joon-ho, che sarà in concorso al Festival di Cannes di quest'anno. L'appuntamento con la seconda produzione Netflix presente a Cannes è per domenica quando sarà il turno di The Meyerowitz Stories di Noah Baumbach.

Lombardo, questo non era il vero Torino
Io serbo e zingaro? "Io posso guardarmi allo specchio, altri dovrebbero sputare allo specchio vedendo la propria immagine". Conosco il Gallo e non è il tipo di persona che farebbe una cosa simile, ma dobbiamo chiarire le cose prima possibile.

Già all'apparizione del logo della società di streaming sullo schermo, la sala si è riempita di applausi e fischi, andati avanti oltre l'inizio del film costringendo gli operatori a fermare la proiezione. "Io sono convinta che ci sia spazio per tutte le piattaforme". I problemi tecnici sono durati per più di sei minuti e sono stati risolti soltanto dopo le rumorose proteste del pubblico in sala.

Siria: esecuzioni detenuti, per Amnesty 13 mila in 5 anni
L'immagine del gennaio 2015, in particolare, mostra il tetto del presunto crematorio ripulito dalla neve, scioltasi presumibilmente per il calore sviluppato da una combustione.

Ma si sa, gli imprevisti sono tali perché non si possono prevedere. "Non vogliamo intervenire nelle polemiche che circondano il film, ma posso solo dire che Netflix ha dato i mezzi e la possibilità a Bong Joon-ho di realizzare il suo film nella più totale libertà". Il Festival di Cannes "ha chiesto in vano a Netflix di accettare" che entrambi i film potessero uscire nelle sale e che non fossero "unicamente" a disposizione dei suoi abbonati. Hanno davvero rispettato il mio lavoro.

Ti piace questa: