Ultimo
Raccomandato
Pubblicato: Gio, Giugno 01, 2017
Finanza | da Norma Uva

Bankitalia: "Illusione soluzione problemi fuori dall'Ue. Lavoro questione centrale"

Bankitalia:

La definisce l'eredità "più dolorosa" della crisi per sottolineare la grande preoccupazione che anima le stanze della Banca d'Italia sul futuro del Paese e sulle possibilità di dare impulso a una crescita che stenta a decollare. "Illustrando le sue "Considerazioni finali", il governatore Ignazio Visco ha lanciato un avvertimento molto preciso al governo Gentiloni, affermando che il consenso politico deve essere ricercato con la definizione e la comunicazione di programmi chiari, ambiziosi, saldamente fondati sulla realtà". In compenso, il numero uno di Palazzo Koch può contare sull'appoggio del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, e del presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi.

Ad ascoltare Visco in prima fila anche Mario Draghi, l'ex premier Mario Monti, la presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi, ma anche l'ex ministro dell'Economia e di di Bankitalia Fabrizio Saccomanni, l'ex premier Lamberto Dini e l'ex governatore Antonio Fazio. E' vero, chiosa ancora Visco, che l'Unione sia risultata "più forte nel proibire che nel fare" ma "l'Europa deve restare un'ancora salda in un mondo che appare sempre più instabile e politicamente imprevedibile".

No Tobacco Day, è il giorno giusto per smettere di fumare
Secondo l'Oms oltre a salvare vite e ridurre le disuguaglianze un controllo del settore offre benefici anche per l'ambiente . Di questi, l'80% risiede in Paesi a basso o medio reddito e almeno il 70% ha iniziato a fumare prima della maggiore età.

Per il debito pubblico, il cui rapporto con il Pil è stato penalizzato dal 2008 in poi soprattutto dalla mancata crescita, l'obiettivo è riportarlo sotto il 10 per cento in un arco di 10 anni, grazie ad avanzi primari di bilancio (ossia al netto degli interessi) del 4% l'anno.

Il conto è presto fatto e si riferisce ai livelli di copertura delle sofferenze per le banche in maggiori difficoltà, si viaggia con un "coverage" intorno al 64% che si traduce in una valutazione delle sofferenze nette intorno al 36%, ma il mercato le valuta circa la metà, tra il 18% e il 20%. Non solo: ma per anni la Banca d'Italia ha evitato accuratamente di informare gli azionisti delle malefatte dei vertici e della non congruità del prezzo delle azioni che veniva fissato arbitrariamente su proposta dei consigli d'amministrazione dei due istituti. Ciò ha inciso sul debito pubblico ed i crediti cosiddetti deteriorati, conosciuti anche come prestiti non performanti, i quali "riducono i margini di manovra dello stato e degli intermediari finanziari; entrambi rendono vulnerabili l'economia italiana alle turbolenze sui mercati e possono amplificare gli effetti delle fluttuazioni cicliche" evidenziando che "l'elevato debito pubblico è un fattore di vulnerabilità grave, condiziona la vita economica del paese".

Anticipazioni Un Posto al sole dal 15 al 19 Maggio
Angela e Giulia rischiano l'incolumità pur di portare avanti il loro impegno di volontariato nel progetto di lettura in carcere. Delusa dal comportamento di Enriquez, Beatrice si riavvicinerà a Niko , ma le cose potrebbero cambiare da un momento all'altro.

Senza false promesse o ricette facili, perché "è un'illusione pensare che la soluzione dei problemi economici nazionali possa essere più facile fuori dall'Unione economica e monetaria". L'uscita dall'euro, di cui spesso si parla senza cognizione di causa, non servirebbe a curare i mali strutturali della nostra economia - sottolinea -. I cambiamenti richiederanno tempo, impegno, sacrifici - aggiunge il governatore -. Sostiene Visco nelle considerazioni finali.

Visco inviterà a gestire i mesi (da quattro a nove) che ci separano dalle prossime elezioni politiche senza creare incertezze.

"Uomini e donne", trono classico: la scelta di Rosa Perrotta
Un bluff? Forse solo un momento di passione, un cedimento momentaneo che non l'ha distolta dai sentimenti provati per Tartaglione. Io ribatto che sono tremendi, ma lo diciamo ridendo.

Ti piace questa: