Ultimo
Raccomandato
Pubblicato: Sab, Giugno 10, 2017
Medicina | da Aldobrando Tartaglia

Tumore al seno. A Napoli la sperimentazione del vaccino terapeutico

Tumore al seno. A Napoli la sperimentazione del vaccino terapeutico

I risultati sono stati presentati al congresso ASCO (American Society of Clinical Oncology) di Chicago, tempio mondiale della ricerca clinica oncologica. Si tratta di una terapia audivante definita vaccino anti Globo H-KLH che si inizia subito dopo il classico intervento al seno in donne con tumore triplo negativo. Il nosocomio napoletano, che fa parte dell'Istituto Nazionale Tumori, sarà l'unica struttura in Italia a sperimentare il vaccino per la cura del tumore al seno, a partire dal 2018.

L'ospedale Pascale di Napoli sperimenta il vaccino per il cancro al seno: primo in Italia. Le donne interessate sono quello colpite dal tumore cosiddetto "triplo-negativo" (sottotipo ad alta aggressività) con l'obbiettivo di aumentare le percentuali di guarigione.

Una Vita | Trama 7 giugno | Anticipazioni spagnole | Martin libero grazie alla regina
Inizia oggi una nuova settimana di Una Vita la famosa soap opera spagnola che continua ad appassionare il pubblico italiano. Il poliziotto si precipita in ospedale, ma padre Fructuoso gli riferisce che la ragazza non lo vuole vedere.

Un vaccino contro i tumori; questa idea sembra assai lontana, irraggiungibile, quasi utopica.

"La disponibilità del vaccino al Pascale si prospetta come grande opportunità per le pazienti con tumore mammario di avere accesso a trattamenti ad alta innovatività". È una sperimentazione di cosiddetta 'Fase 3′, vale a dire che al termine i medici saranno in grado di dire se il vaccino funziona davvero o no. Il vaccino è stato creato da una piccola biotech di Taiwan la quale ha coinvolto, oltre agli USA, anche Spagna, Francia, Germania e proprio il Pascale di Napoli.

Orlando frena su riforma elettorale e voto a settembre: "Consultare iscritti Pd"
E su un altro punto è ancora più netto: "Il Pd non può scimmiottare le destre e non può neppure allearsi con le destre". Si prevede, in sostanza, la soglia al 5 per cento, nessun premio di governabilità e nomi dei candidati sulla scheda.

Lo stesso De Laurentiis ha proseguito: "I farmaci immunoterapici attuali, cosi detti inibitori dei checkpoint immunologici, agiscono rimuovendo il freno immunologico che il tumore tiene premuto per evitare di essere attaccato dal sistema immunitario. I vaccini terapeutici mirano a scatenare una risposta immunitaria altamente specifica contro il tumore, in teoria potenzialmente più efficace e con meno effetti collaterali" ha detto Michelino De Laurentiis, direttore di Oncologia medica senologica al Pascale. Inoltre, questa risposta immunitaria, proprio perché in qualche modo generica, non e' sempre efficace contro il tumore.

Secondo l'esperto, "questo è forse uno dei motivi per cui l'immunoterapia ha avuto finora successi limitati nelle forme tumorali meno immunogene, come il tumore della mammella".

Calenda conferma: Ilva è di Am Investco
Oggi Cortei e manifestazioni a Genova e Novi Ligure (Alessandria) hanno scandito le ore che precedevano la decisione del Mise. Nel frattempo i sindacati hanno scritto al premier Paolo Gentiloni per ottenere un incontro.

Ti piace questa: