Ultimo
Raccomandato
Pubblicato: Sab, Agosto 05, 2017
Esteri | da Metrofane Nocera

Libia: al Arabiya, Haftar ordina di bombardare navi italiane

Libia: al Arabiya, Haftar ordina di bombardare navi italiane

Il messaggio è chiaro e minaccioso e arriva da Kalifa Haftar, generale libico, che avrebbe dato ordine ai suoi uomini di aprire il fuoco contro le navi italiane impegnate nella missione navale di supporto alla Libia. Ma la fragilità degli equilibri potrebbe dare per buona la notizia di un'alzata di testa di Haftar con tutte le conseguenze del caso.

Amnesty International ha convenuto di sostenere che l'Italia sta aiutando essenzialmente la tortura e il maltrattamento dei migranti, se finiscono nei campi di detenzione.

Ddl concorrenza, Rc auto: torna il tacito rinnovo. Tutte le misure
I pagamenti per l'ingresso ai musei o a eventi culturali potranno essere effettuati anche tramite telefonino. Inoltre le assicurazioni dovranno applicare sconti regolamentati ai clienti che impiegano scatole nere .

Al-Mejbari ha precisato che la decisione del presidente Sarraj di avere permesso alle forze italiane di effettuare delle operazioni nelle acque libiche non rappresenta e "non esprime né la volontà dell'intero Consiglio presidenziale né tantomeno del governo di intesa". La notizia del bombardamento, diffusa da dalla rete Al Arabiya, è stata definita "inattendibile" e "infondata" da fonti governative italiane. "Il governo Gentiloni dovrà comprendere che i rapporti tra i popoli italiano e libico sono più profondi e importanti rispetto alle relazioni con governi transitori e sono anche più importanti di una strumentalizzazione politica con l'unico obiettivo di ottenere vantaggi politici immediati aggrappandosi alla poltrona del potere", dice ancora Majburi riferendosi al capo del Consiglio presidenziale, Serraj.

C'è un aspetto dell'intervento italiano che merita qualche considerazione. A bordo il nucleo costituito dagli Ufficiali del Comando Operativo di Vertice Interforze e della Squadra Navale, con l'incarico di condurre, insieme ai rappresentanti di Marina e Guardia Costiera libiche "le necessarie attività di ricognizione" per definire le modalità di coordinamento della successiva attività nel contrasto al traffico di esseri umani. Ebbene cosa succederebbe in questo caso? Alla prova dei fatti però nulla è cambiato nel paese nordafricano da quella stretta di mano.

Migranti, sequestrata la nave Iuventa: "Traffici Ong-Scafisti"
Così il procuratore aggiunto Ambrogio Cartosio dopo il sequestro della nave "Iuventa" della ong tedesca "Jugend Rettet" . Non si tratta dunque di migranti 'salvati', ma recuperati, potremmo dire consegnati.

Le parole attribuite all'uomo forte della Cirenaica, nemico di al Serray secondo il governo italiano non sono attendibili.

Allegri: 'Milan? Mercato da scudetto. Cuadrado importante, Rincon...'
Infine sul mercato . "Per me dovrebbe finire il 31 luglio, sarebbe più semplice se chiudesse prima dell'inizio della stagione ufficiale".

Ti piace questa: