Ultimo
Raccomandato
Pubblicato: Sab, Settembre 02, 2017
Esteri | da Metrofane Nocera

Corea Del Nord minaccia Usa: lancio è stato preludio per Guam

Corea Del Nord minaccia Usa: lancio è stato preludio per Guam

L'importo, di 5.200 miliardi di yen (40,5 miliardi di euro), è pari a un incremento del 2,5%, e gran parte servirebbe a coprire le spese per le nuove batterie di missili intercettori terra aria e sistemi navali di contraerea. Proseguono infatti le minacce della Corea del Nord nei confronti di Tokyo. Un nuovo avvertimento che arriva dopo l'escalation segnata con il missile balistico lanciato sopra lo spazio aereo giapponese e la minaccia di arrivare fino all'isola di Guam. Si tratta della più vicina presenza americana alla Corea del Nord. Ciò significa che la Corea del Nord può lanciare in qualsiasi momento da qualsiasi punto del Paese. Il missile lanciato era un Hwasong-12, a medio raggio ma con una gittata di fatto intercontinentale perché stimata tra i 3.700 e i 6.000 chilometri. "No, abbiamo sempre delle soluzioni diplomatiche": così James Mattis - secondo quanto riportano alcuni media Usa - ha risposto a chi gli chiedeva se la strada del dialogo con Pyongyang fosse chiusa.

"Le nostre prossime mosse dipendono dal comportamento di Washington", ha avvertito Kim spiegando che il test di ieri è stato "il primo passo delle operazioni militari dell'esercito popolare di Corea nel Pacifico e un significativo preludio per il contenimento di Guam, oltre che una risposta alle manovre militari congiunte in corso tra Seul e Washington".

Incidente mortale in A14, 35enne di Porto Sant'Elpidio tra le vittime
La Fiat si sarebbe fermata sulla corsia di sorpasso e la conducente sarebbe scesa dal veicolo. All'ospedale Clinicizzato di Chieti sono ricoverate in gravi condizioni due persone .

CONDANNA ONU - Già all'inizio di agosto, il regime di Kim Jong-un aveva detto di avere allo studio "un piano operativo" per colpire l'isola di Guam. "Faremo il responso necessario", ha detto, aggiungendo che le sanzioni uniaterali o quelle adottate seguendo le leggi nazionali non sono in linea con il diritto internazionale. E condannando Pyongyang "per le sue azioni oltraggiose e le minacce contro un altro Stato" chiede che "tali atti cessino immediatamente". Il Palazzo di Vetro ha sottolineato come le azioni del regime di Kim Jong-un rappresentino una minaccia "non sono per la regione" del Pacifico ma "per tutti gli stati dell'Onu". E sull'ipotesi di valutare nuove sanzioni, ha ribadito: "Da sole non sono la via d'uscita". Il Consiglio di Sicurezza chiede inoltre che tutti gli Stati membri "attuino pienamente, in modo rigoroso e veloce" le sanzioni imposte dalle Nazioni Unite. Ma la Cina, dal canto suo, perenne ed unica alleata di Pyongyang, sottolinea come "qualsiasi misura contro la Corea del Nord dovrebbe essere rispettosa della cornice definita dal Consiglio di Sicurezza ed attuata rispettando le risoluzioni dello stesso".

Lo ha affermato un portavoce del ministero della Difesa di Pechino durante una conferenza stampa, rispondendo a una domanda sulle tensioni che attualmente coinvolgono la penisola coreana.

Sebastian Vettel rinnova con Ferrari fino al 2020
Ci sono anche dei lati negativi, certo, ma fino a quando la gara sarà l'aspetto più importante per me andrà bene. La Ferrari questa settimana aveva annunciato il rinnovo di Kimi Raikkonen per la stagione 2018.

La Corea del Nord promette nuovi missili nel Pacifico dopo il lancio di ieri, che ha sorvolato i cieli del Giappone.

Usa, Uragano Harvey: almeno 10 morti ora tocca alla Louisiana
MORTI E DISPERSI - Le ultime due vittime sono due donne , di 89 e 76 anni, una annegata in casa e l'altra vicino ad un'automobile. Sale il numero delle persone che hanno perso la vita a causa delle inondazioni provocate dall'uragano Harvey .

Ti piace questa: