Ultimo
Raccomandato
Pubblicato: Ven, Ottobre 06, 2017
Esteri | da Metrofane Nocera

Madrid ferma il Parlamento catalano pronto a dichiarare l'indipendenza

Madrid ferma il Parlamento catalano pronto a dichiarare l'indipendenza

Ma la Corte Costituzionale ha ammesso un ricorso presentato dal Partito socialista catalano contro la sessione plenaria della seduta. L'obiettivo è bloccare la dichiarazione d'indipendenza della Catalunya.

Perugia, aggressione a colpi di coltello in tribunale: ferito giudice molfettese
E' accusato di porto di oggetti atti ad offendere, tentato omicidio pluriaggravato, lesioni personali e danneggiamento aggravato. Legnini ha anticipato che proporrà al prossimo plenum di prendere l'iniziativa per individuare le soluzioni più opportune.

In precedenza, la Corte Costituzionale spagnola ha deciso la sospensione della seduta del Parlamento della Catalogna dedicata alla dichiarazione di indipendenza e prevista per lunedì in seguito al referendum di domenica scorsa, dichiarato illegale da Madrid. "Ha deluso molti catalani - ha aggiunto rivolgendosi al sovrano - che credevano a un suo invito al dialogo e alla concordia". Il leader del partito Podemos ha tentato di guidare il dialogo tra il governo spagnolo e quello catalano, chiedendo di non porre precondizioni. Non solo: "il governo potrà dare istruzioni a tutte le Autorità delle Comunità Autonome per l'esecuzione delle misure previste nel comma precedente".

Montella Milan, la società gli rinnova la fiducia
Seconda sconfitta consecutiva per il Milan in campionato che allontana, per ora, i rossoneri dalle zone alte della classifica. Probabilmente la squadra non l'aiuta come dovrebbe e lui in questo momento non riesce a fare la differenza.

È questa "l'arma atomica" a disposizione di Rajoy che gli permetterebbe di prendere il controllo del governo catalano, o almeno di parte delle sue competenze - come il controllo della polizia catalana, i Mossos, il cui capo oggi è stato dichiarato indagato dalla giustizia spagnola per "sedizione" - e di destituire, o arrestare, Puigdemont e il suo governo convocando elezioni anticipate. Il primo ministro Mariano Rajoy ha chiesto a Puigdemont di abbandonare le sue intenzioni. Prima di una possibile dichiarazione formale di indipendenza lunedì che costringerebbe Madrid a ricorrere all'articolo 155 della Costituzione. Ma se mediazione ci sarà, dovrà partire molto velocemente. "Il mio governo sarà sempre impegnato a favore della pace". Il commissario all'Economia Pierre Moscovici ha detto che "Una Catalogna indipendente non sarebbe membro dell'Unione europea". "Dichiareremo l'indipendenza 48 ore dopo l'annuncio dei risultati ufficiali" del referendum, ha affermato Puigdemont, "questo accadrà quando avremo recuperato i voti dall'estero, quindi alla fine della settimana o all'inizio della prossima".

Whatsapp: definitivamente bloccata l'app dalla Cina?
Whatsapp , a questo punto, è ufficialmente entrato nella lista dei siti e servizi vietati, che cresce di giorno in giorno. In realtà bastava utilizzare un Virtual Private Network, o VPN, per bypassare la muraglia.

Ti piace questa: