Ultimo
Raccomandato
Pubblicato: Gio, Novembre 16, 2017
Sportivo | da Floriano Cerasuolo

Gian Piero Ventura è stato ufficialmente esonerato

Gian Piero Ventura è stato ufficialmente esonerato

La clamorosa mancata qualificazione dell'Italia al Mondiale di Russia 2018, ha lasciato in dote diverse situazioni spinose, che per il bene del nostro movimento calcistico vanno definite il prima possibile. Siamo in Italia, bisogna purtroppo abituarsi ad atteggiamenti simili. Non è una questione di cuore perché ama lItalia ma sono due cose completamente diverse dal punto di vista strategico e lavorativo. La dimostrazione arriva dallo stesso Ventura (che, si spera, potrebbe lasciare la panchina nelle prossime ore solo in cambio, però, di una buonuscita).

In ospedale per una lombosciatalgia muore per uno scambio di provette
Scambiarono le provette di sangue al paziente, per un caso di omonimia. Insomma alla base vi sarebbe un tragico errore umano.

Al termine della partita contro la Svezia, Ventura si è presentato solo dopo la mezzanotte in sala stampa e ha chiesto scusa solo per il risultato, ed è proprio da certe affermazioni che si evince il cosiddetto "ego smisurato" denunciato dall'ex calciatore Rolando Bianchi in un intervista.

Usa, sindaco De Blasio vince le elezioni e sfida subito Trump
Con quasi tutte le schede scrutinate, Murphy ha ottenuto circa il 55,6% dei voti contro il 42,5% di Guadagno. Ciononostante, Gillespie ha centrato la sua campagna elettorale sul rifiuto dell'immigrazione illegale.

Si è consumato il divorzio tra la Nazionale e il commissario tecnico Gian Piero Ventura.

Di Maio cancella il confronto in TV con Matteo Renzi
Chi dei due sarà il Premier lo si vedrà dopo le elezioni, a seconda dei numeri che le diverse forze politiche potranno vantare. La legge elettorale non lo richiede.

Il dopo-Conte, che molti temevano in quanto tale (timori confernati da fatti, purtroppo), con la Spagna a sbarrarci la porta d'ingresso ai Mondiali (si sapeva, si sapeva.) e un play off da mettere in preventivo, scorreva così su quella scelta comunque rischiosa, ma dietro l'etichetta di un "maestro di calcio" che al grande calcio non era mai arrivato.

Ti piace questa: