Ultimo
Raccomandato
Pubblicato: Lun, Gennaio 08, 2018
Sportivo | da Floriano Cerasuolo

Torino, Mihajlovic sull'esonero: "Fulmine a ciel sereno. Sono deluso"

Torino, Mihajlovic sull'esonero:

Mi piace dare un'identità alla squadra: per me un tecnico è come un artista, che ha un proprio canovaccio pensato per dare un'impronta al gruppo. A livello superficiale, basta questo dato a inquadrare l'involuzione nel gioco, che non si è riflessa sulla classifica, praticamente identica a un anno fa, ma ha invece deluso le ambizioni dei tifosi e della società, da tempo in attesa di scalare il gradino che separa il Toro da un piazzamento europeo. Nemmeno il tempo di ipotizzare chi possa subentrare al tecnico serbo, che spunta con certezza il nome di Walter Mazzarri, il quale nel primo pomeriggio si reca presso la sede del club granata, al fine di apporre la sua firma sul contratto dalla durata sino a giugno 2020, alla presenza del direttore sportivo Gianluca Petrachi. Poi la Sampdoria, poi il grande lavoro fatto a Napoli. Ho avuto pochi giorni prima della partita di Bologna, ma spero di aver già dato l'input giusto. "La programmazione è lavorare, migliorare di partita in partita, poi si tireranno le somme". Credo che nel calcio ci sono anche gli episodi, ma bisogna pensare positivo: perché se si pensa positivo puoi anche portarti gli episodi dietro. Nella mia carriera si è sempre vista la mia mano: e questo non vuol dire 3-5-2 o che so io, ma si vede che la squadra sa quello che deve fare.

Giallo di Verona, identificata la donna fatta a pezzi
Stando ad alcune delle testimonianze raccolte, venerdì non c'era alcuna traccia dei resti. Fino alla svolta, che ha permesso di dare finalmente un nome alla vittima .

Su Mazzarri - "Ho sempre visto una persona totalmente determinata". La cosa importante è fare i tre punti. Se non ora quando, mi sono detto. Sto facendo la spugna, cercando di capire il più possibile e riferire alla società. Il bel gioco deve essere finalizzato al risultato. Si è da subito creato gran feeling con i suoi collaboratori: nel calcio credo che i rapporti interpersonali siano indispensabili. Ed ecco giunti al presente, con la chiamata da parte del Torino, squadra ambiziosa che punterà, nel girone di ritorno, ad acciuffare l'ultimo vagone utile per tornare in Europa. "Poi il presidente mi darà le sue idee, ma io non parlerò mai di mercato con voi". Non dico altro perché sono scaramantico. "Cominciamo a sentirci positivi". Io credo che gli obiettivi non dobbiamo dirli, ma cercare di centrarli. "E' una persona che dà molta attenzione al dettaglio e questo fa la differenza, a maggior ragione nel campionato italiano". La sua esperienza al Torino è stata scandita dai tentativi, alla fine falliti, di legare i risultati alle le relazioni di fiducia costruite con i suoi giocatori, a cui erano concesse libertà e responsabilità piuttosto ampie in una struttura tattica che favoriva le iniziative individuali in ogni fase. "La somma dei punti porterà a qualcosa".

Lotteria Italia, estrazione 6 gennaio 2018: i biglietti vincenti
Il secondo premio dal valore di 2,5 milioni di euro è il biglietto con la serie e numero: P 245714 , che è stato venduto a Milano .

Giampaolo attacca: "Impossibile analizzare la gara di oggi, il campo faceva c…e!"
Il campo, scrivetelo pure, faceva cagare! Questa situazione favorisce chi si deve difendere, non una squadra come la nostra. Oggi la mia squadra si è snaturata, poi nel secondo tempo abbiamo cercato di rimischiare le carte.

Ti piace questa: