Ultimo
Raccomandato
Pubblicato: Mer, Gennaio 10, 2018
Esteri | da Metrofane Nocera

Arresti ndrangheta, 169 in manette

Arresti ndrangheta, 169 in manette

E' stata più che documentata l'infiltrazione mafiosa in diversi settori economici e imprenditoriali, sia in Italia sia all'estero, nella gran parte dei casi in Germania, che ha consentito al sodalizio di strutturarsi come una vera e propria holding criminale capace di gestire affari economici per milioni di euro.

I carabinieri del Ros e del comando provinciale di Crotone hanno eseguito 169 provvedimenti restrittivi nei confronti di appartenenti alla 'ndrangheta e loro favoreggiatori.

Nike, che gaffe! Il marchio 'annuncia' Coutinho al Barcellona
L'errore è stato cancellato dopo pochi minuti, ma questo non è bastato per evitare che il tutto diventasse virale. "E comunque la fascia di capitano è più importante fuori dal campo che dentro".

169 gli Arresti ndrangheta nell'ambito dell'operazione denominata "Stige".

L'operazione é scaturita dalle indagini coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Catanzaro. Al centro dell'inchiesta le attività criminali della cosca Farao-Marincola, una delle più potenti della Calabria, con ramificazioni anche nel Nord e Centro Italia (in particolare Emilia Romagna, Veneto, Lazio, Lombardia) e in Germania. Le accuse rivolte ai 169 indagati sono associazione mafiosa, estorsione, peculato, turbata libertà degli incanti, corruzione e danneggiamento, reati tutti aggravati dal metodo mafioso. Secondo l'accusa, gli emissari della cosca Farao-Marincola erano anche divenuti i referenti dei ristoratori per la composizione di eventuali controversie che si venivano a creare.

Il Cagliari si scusa con Matuidi
Un esempio per i giovani - ha twittato in francese il club - Desideriamo scusarci con te se sei stato insultato alla Sardegna Arena per il colore della tua pelle.

Dall'accoglienza ai migranti alla fornitura di vino e preparati per la pizza a ristoranti in Germania, dal taglio di alberi al turismo, dalla vendita del pescato dei porti di Cirò Marina e Cariati (Cosenza) alla raccolta e riciclo di materie plastiche e rifiuti solidi urbani. Tramite il suo centro, Eurojust "ha coordinato l'esecuzione simultanea di 10 mandati di arresto europei e 13 ordini di indagine europei in quattro stati federali in Germania e ha facilitato lo scambio di informazioni in tempo reale tra tutti i funzionari giudiziari e di polizia coinvolti nelle operazioni congiunte". Questo avrebbe permesso di accertare l'espansione degli interessi della cosca anche nei länder dell'Assia e del Baden-Württemberg.

Giallo di Verona, identificata la donna fatta a pezzi
Stando ad alcune delle testimonianze raccolte, venerdì non c'era alcuna traccia dei resti. Fino alla svolta, che ha permesso di dare finalmente un nome alla vittima .

Ti piace questa: