Ultimo
Raccomandato
Pubblicato: Dom, Marzo 25, 2018
Esteri | da Metrofane Nocera

Roma, si apre un'altra maxi voragine con due auto parcheggiate in bilico

Roma, si apre un'altra maxi voragine con due auto parcheggiate in bilico

In bilico due auto parcheggiate regolarmente, una Fiat Panda e un'Alfa Romeo. A bordo non c'erano passeggeri. La gravità dell'accaduto sembra voler riaccendere lo stato di emergenza di una città il cui manto stradale è letteralmente "tappezzato", a tratti impercorribile. Bisognerà procedere con interventi in straordinario. La strada è stata chiusa al traffico, anche per procedere alla rimozione delle auto. Sul posto anche la Polizia di Stato. I pompieri hanno soccorso la donna, trasportata dal 118 in ospedale in codice rosso, e rimosso i rami.

Cucciolo di cane costretto a viaggiare nella cappelliera, morto
Ma su più fronti parte l'appello al boicottaggio. "Il costo del trasporto dell'animale è di 40 euro". Una volta atterrati, i proprietari hanno aperto la cappelliera e hanno trovato il cucciolo morto .

Lo scorso 13 marzo un'altra voragine si era aperta in via Circonvallazione Gianicolense a Moneteverde.

##Zuckerberg su scandalo Cambridge Analytica: "Abbiamo... -2"
Il Ceo di Facebook conclude così: "È stata una violazione del rapporto fiduciario tra Kogan , Cambridge analytica e Facebook ". Arriva poi la rivelazione, la scoperta che credere nella buona fede di questi sviluppatori era approccio a rischio.

Questa volta l'asfalto ha ceduto in Circonvallazione Appia, tra via Latina e via Appia Nuova. La strada, tra via Numanzia e via Baccarini, è chiusa per consentire le operazioni di messa in sicurezza. Il cosiddetto piano Marshall varato dal Campidoglio, che prevede più fondi per i Municipi e 17 milioni di euro con l'obiettivo di coprire 50mila buche in trenta giorni, dovrebbe essere ultimato entro due mesi, come ha annunciato l'assessore capitolino ai Lavori pubblici Margherita Gatta. Per fortuna non ci sono vittime o ferite, ma resta drammatica l'urgenza delle strade romane coinvolte in una situazione assai prossima allo "sbriciolamento".

Laura uccisa a coltellate e gettata in un pozzo
L'assassino avrebbe provato a spingere il cadavere verso il basso, prima di coprirlo con un coperchio di ferro e allontanarsi. A quel punto è partita la denuncia, con i carabinieri della compagnia di Noto che hanno subito iniziato le indagini.

Ti piace questa: