Ultimo
Raccomandato
Pubblicato: Ven, Aprile 06, 2018
Esteri | da Metrofane Nocera

Dopo tre settimane scarcerato il fotoreporter torinese Mauro Donato

Dopo tre settimane scarcerato il fotoreporter torinese Mauro Donato

"È andata bene". Donato rientrerà in Italia nelle prossime ore e domani alle 11 prenderà parte alla conferenza stampa organizzata da Fnsi nella sede di Roma.

E' finita la disavventura di Mauro Donato, il fotoreporter torinese in carcere dal 16 marzo in Serbia.

Sarri in conferenza:"Prima il record e poi…!"
Sulla pausa delle nazionali: "Noi siamo una squadra che vive di meccanismi e non individualità, per cui spezzare il ritmo ci può disturbare tanto e anche di più".

Ma nell'udienza odierna la preziosa testimonianza di Gloria Gemma, volontaria di One Bridge to Idomeni Onlus, insieme al proficuo lavoro degli avvocati e di Carlo Lo Cascio, l'ambasciatore italiano in Serbia, hanno portato alla liberazione di Mauro. In questi giorni si erano moltiplicati gli appelli che chiedevano con forza alla Giustizia serba di rilasciare il 41enne.

Devono essere state tre settimane che devono essere sembrate un'eternità per Mauro, solo, incarcerato in un paese straniero e, soprattutto innocente per non aver commesso alcun reato.

Rita Dalla Chiesa ricorda Fabrizio Frizzi ad Amici di Maria De Filippi
È una mia amica , una collega, una donna molto intelligente, sensibile, per bene e onesta: " Rita Dalla Chiesa ". Non dovete sgomitare, dovete cercare di aiutarvi. "Questo è il segreto per avere successo nella vita".

Negli ultimi giorni le sue condizioni di salute stavano peggiorando, secondo quanto dichiarato dai familiari che gli avevano fatto visita nella prigione di Sremska Mitrovica, città a ovest di Belgrado non lontana dal confine serbo-croato.

Una risoluzione sperata a lungo e sulla quale, a breve lo stesso Donato, che come già detto è da poco rientrato in Italia, ci potrà raccontare personalmente i retroscena.

Olimpiadi, il Coni candida Milano-Torino: "Ora deciderà il Cio"
Il primo passo ufficiale verso la candidatura di Torino alla vigilia della Conferenza metropolitana che deve valutare la mozione pro Olimpiadi approvata lo scorso 14 marzo dal Consiglio metropolitano.

Ti piace questa: